Tìtyre, tù patulaè – sabato mattina di ordinaria follia

Bi-bip Bi-bip Bi-bip.

Studi più o meno recenti hanno dimostrato che gli elettrodomestici emettono radiazioni anche da spenti. Figuriamoci da accesi. Figuriamoci gli smartphones.

Visto che il mio smartphone non è poi tanto smart, dato che la sveglia funziona solo lasciandolo acceso, mi sono decisa a compiere il grande passo: comprare una sveglia vera. Anzi, ordinarla dal catalogo Esselunga. Sarà l’adrenalina che ti danno le cose nuove, sarà la smania di usare le cose nuove, sarà il voler far fruttare al meglio i 500 punti spesi per una cosa nuova… Ma da quando la sveglia ha trovato posto sul mio comodino non posso fare a meno che puntarla anche di sabato mattina, salvo poi maledirla appena il suo bi-bip (discreto ma letale) si fa sentire.

“Ok, trasciniamoci in cucina, riempiamoci di caffeina e vediamo di iniziare la giornata entro le 11 a.m.”, orario del tutto accettabile essendo sabato e avendo 147 milioni di cose da fare entro sera.

Prima cosa: chiamiamo la banca. Essendo una banca cheap, ho composto il numero verde e mi sono imbattuta nei classici 5 minuti di ‘dialogo’ digitale con il centralino automatico. Ho digitato 2 4 7 5 3 più o meno a caso e poi, dopo 4,37 secondi ho sentito una voce reale, umana, la voce di CARMEN. Carmen, che il sabato mattina lavora in un call center non si sa bene dove, mi è stata subito simpatica, così gentile e rassicurante. Il caso ha voluto che le si impallasse il pc proprio all’inserimento dei miei dati, perciò sono seguiti un paio di minuti di silenzio dove Carmen non ha fatto altro che insultare il sistema e scusarsi per l’inconveniente. “Si figuri, non c’è problema” le ho risposto 2 o 3 volte, soffocando l’impulso irrefrenabile di instaurare una conversazione con lei.
“Cosa fai se non arrivano chiamate? Puoi giocare a solitario? Puoi fare shopping on-line per far passare il tempo? Sono simpatici ii tuoi colleghi? Lo sai che da piccola guardavo sempre ‘Che fine ha fatto Carmen Sandiego’??!” – domande così, niente di impegnativo, solo per chiaccherare un po’. Mi sono trattenuta solo perché non fare brutta impressione ad una sconosciuta.

Dicono che chi lavora ai call center si inventa un nome ogni volta che risponde a una chiamata. Ma Carmen si chiamava davvero Carmen, lo so.

Sta di fatto che mentre le comunicavo alcuni codici personali mi sono accorta che il mio accento aveva assunto un che di strano, il mio tono era, come dire, cantilenante…

“ommioddio che cavolo sto facendo?! STO PARLANDO IN ESAMETRI???!”

Certo!!! Il sogno della scorsa notte!!! Non chiedetemi come, non chiedetemi perché, ma la scorsa notte ho sognato l’esame di latino sostenuto qualcosa come 5 anni fa… E in qualche modo il latino si deve essere impossessato di me, tanto che poi ho cercato su youtube ‘Virgilio, Bucoliche’ e ho scovato questa cosa a metà tra l’inquietante e il trash. Il cervello fa butti scherzi, ma brutti brutti…

Imbarazzata, anche se probabilmente solo io mi ero accorta del tà-tata-tà-tata-tà, ho salutato Carmen con un sentitissimo “Buon weekend”, non volendomi fermare ad un banale “Buona giornata”.

Annunci

2 pensieri su “Tìtyre, tù patulaè – sabato mattina di ordinaria follia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...