Stavo pensando

Stavo pensando che non mi capitava da un po’ di vivere un periodo così pieno. Pieno di cose da fare (forse troppe, anche se di solito per i miei standard non sono mai abbastanza), pieno di scoperte musicali, pieno di delusione, pieno di emozioni positive, pieno di persone dalle mille sfumature. Come tutto questo possa convivere non lo so, ma è così.

Stavo pensando che ci sono state tante minuscole situazioni che mi hanno fatto sentire fortunata. Prima di tutto c’è stato il mio compleanno. C. si è presentata con una pianta arancione alla mia porta, ed è anche convinta che riuscirò a farla sopravvivere… Ah, donna illusa! La mia sorellina invece mi ha impacchettato il suo regalo in una scatola con la scritta “Happy Christmas“. I musicisti del mio gruppo mi hanno portato una crostata durante le prove. Mara mi ha consegnato il suo (meraviglioso) regalo in un sacchetto di Playboy… e ho un po’ temuto a scartarlo. Le mie amiche mi hanno invece regalato un biglietto per il concerto dei Kasabian… e impagabile è stata la faccia del buon I. che ha scoperto esattamente nel momento in cui scartavo il pacchetto che dovrà trovare un posto in macchina insieme ai suoi amici anche per me. Regalo con passaggio a scrocco.

Stavo pensando anche che ci sono così tante persone che mi mancano in questo periodo. Indubbiamente, un paio di amiche che si sono allontanate, ma mi manca anche chi era in grado di capirmi. Stavo pensando che ho risposto ad un messaggio di auguri con un “grazie”, ma che avrei scritto tutto e il contrario di tutto. Ma poi ho pensato che ha fatto la sua scelta e che le scelte altrui vanno rispettate e quindi ho scritto “grazie”. O forse l’ho scritto per codardia. O forse perché sono parecchio arrabbiata. O forse non lo so.

Stavo pensando che S., il ragazzo di un’amica che in passato faceva il talent scout musicale, mi ha detto una delle cose più belle che potesse dirmi e forse non se n’è nemmeno reso conto. Ha insistito per ascoltare qualche pezzo che ho registrato con il mio gruppo, e nel mucchio gli ho inserito anche una canzone che invece ho scritto da sola. Ascoltando proprio quella mi ha detto “Ecco dove sei, ci sei ed è tua. È il tuo mondo”.
E quindi stavo pensando quanto sia fottutamente bello che una persona che mi conosce poco sia riuscita a percepirmi in una canzone.

Stavo pensando che questa cosa dei nomi puntati si sta facendo un po’ complicata.

Stavo pensando che passare dal mio ufficio agli uffici dell’amministrazione tramite le sale buie del museo mi fa un po’ paura (anche perché non vorrei mai inciampare in qualcosa!), ma mi diverte tantissimo.

Stavo pensando che MARADOBBIAMOTIRARCIINSIEMEPERILNOSTROVIAGGIO<3, e lo stavo pensando in capslock.

Stavo pensando che sono un po’ autoreferenziale e che dubito che a qualcuno interessi quello che sto scrivendo qui.
Stavo pensando che però tirare le somme scrivendo mi aiuta a fare chiarezza. Quindi forse serve più a me che a chi sta al di là dello schermo.

Stavo pensando che in fondo mi piace percepire così tante sensazioni diverse, perché sto ricominciando a credere che sia decisamente meglio che non percepire più nulla.

*Per i Consigli musicali non richiesti, una delle canzoni che secondo S. è “molto Martina”… sì, è molto Martina.

Annunci

4 pensieri su “Stavo pensando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...