Ch-ch-changes

Fellow readers,

la primavera è nell’aria e ha portato con sé, oltre alla mia amata allergia, anche parecchi cambiamenti.
Partiamo con il primo e più importante: ho cambiato di nuovo colore ai miei capelli. E in secondo luogo anche lavoro.

Ebbene sì, per lunghi e tortuosi motivi che non sto qui ad elencare, le tre ragazze della pausa pranzo non lavorano più nella casa editrice che per oltre un anno le ha accolte. Ora abbiamo trovato di meglio da fare: lanciare nell’etere curricula a tutto spiano, o a volte, semplicemente lanciarli fuori dalla finestra.

Ora, un dubbio esistenziale si è affacciato alla mia mente: dovremmo cambiare nome al blog? Farlo diventare “Quelledellapausacaffè”? Perché, anche se non siamo più colleghe, rimaniamo ovviamente amiche -cosa di cui devo ringraziare questo anno di lavoro- e quindi i nostri sproloqui in pausa pranzo sono diventate passeggiate all’aria aperta o chiacchierate davanti ad una tazza di caffè.

La seconda questione invece è stata: eiocomecavolooccupotuttoquestotempoliberoora?

Beh, prima di tutto, per mia grandissima fortuna, ci sono tutte le pulizie di primavera da fare in casa (lo sentite anche voi il mio grido di disperazione vero?). Secondo, per completare l’opera, sono diventata la cuoca della casa. Ridete poco, che il mio pollo alla birra ha fatto stragi! …nel senso buono.
Ma siccome a 27 anni ancora non ci tengo a trasformarmi in Desperate Housewife, ho anche trovato tempo finalmente di portare a termine il mio obiettivo per il 2014: ho finito di scrivere la mia canzone, e dovrò cantarla/suonarla in pubblico fra un paio di settimane. Ma questo è un altro post.

~Martina

*Per i Consigli musicali non richiesti, la mia ultima fissazione. Prima o poi tornerò ad ascoltare altro oltre ai Fall Out Boy, ma non è ancora questo il momento.

Annunci