Khalepa Ta Kala

Allora Jem disse una cosa in una lingua che Tessa non capiva. Suonava come “Khalepa Ta Kala”.
Lei aggrottò la fronte. – Non è latino?
– È greco, e ha due significati. Significa che le cose che vale la pena avere – le cose buone, belle, onorevoli e nobili – sono difficili da ottenere. Ma significa anche qualcos’altro.
La ragazza deglutì. – E sarebbe?
– La bellezza è dura.

«Shadowhunters – Il principe»
(Cassandra Clare)

Annunci

Cronache di una prof la sera prima dell’inizio della scuola

Se da adolescente mi avessero detto che anche un professore può essere agitato prima dell’inizio dell’anno scolastico, probabilmente non ci avrei creduto neanche mezzo secondo. E invece ora eccomi qui, la sera che precede il primo giorno di scuola, con mente e stomaco rivolti a domani.

Conoscerò le mie tre nuove prime, più di settanta quattordicenni che non vedono l’ora di scrutare e analizzare i professori che vedranno tutti i giorni fino a giugno. Già me li vedo, mentre studiano me e nel frattempo si studiano tra loro. La timidezza dei primi giorni, pronta a trasformarsi in un nuove amicizie tra compagni e – ammettiamolo – anche rivalità, nel giro di poche settimane. Odi et amo, con un’intensità che solo gli adolescenti possiedono.

Dopodomani invece sarà il turno delle mie seconde, che conosco già: sarà bello vedere come sono cambiati in questa estate. Più abbronzati, più alti, magari un po’ più maturi. Mi sto illudendo, eh? Difficile ammetterlo, ma mi sono mancati: per quanto quei ragazzi siano in grado di farti impazzire, sono una fonte continua di mal di testa e gioia mescolate in egual misura.

La sera prima dell’inizio di un nuovo anno è sempre speciale: l’augurio che mi faccio è quello di riuscire a non adagiarmi mai, raccogliere sempre nuove sfide e a mia volta riuscire a sfidare. Coltivare la curiosità, prima di tutto.

L’agenda è pronta, la penna con cui firmare il primo registro dell’anno anche.

Come sempre, per me il nuovo anno inizia a settembre, questa volta ancora di più.
Buon nuovo anno a tutti!

~Martina